Mercatini: divertimento ed esempio di economia circolare. Già pubblicato sull’ Eco San Gabriele

Oggi,  ancora una volta,  vogliamo affrontare la questione di come superare sprechi che  pervadono il nostro vivere quotidiano. Tema che abbiamo già affrontato in un settore assai delicato, quale quello  alimentare, dove gli sprechi ammontano a quantità molto rilevanti, a cifre pari a miliardi di euro e che aldilà dei costi sono di per sè una vera e propria offesa  rispetto ai problemi giganteschi ed anche etici che ciò impone.  Oggi vorremmo invece  affrontare altri sprechi a cui difficilmente  si pensa e che comunque  pervadono il nostro vivere quotidiano, e ciò nel segno delle nuove  parole d’ordine  quali :  riciclo, riuso, riutilizzo, risparmio. E tali parole d’ordine sono indissolubilmente collegate alle condizioni economiche ed al potere di acquisto delle famiglie nonche’, questione di assoluta rilevanza, ai benefici che ricadono sull’ambiente che ci circonda.                                          Il luogo che comprende tutto ciò ed aggiungiamo ancora come sia anche di relax e divertimento, si chiama “mercatino dell’usato”.  Luogo dove gli acquisti che si possono fare sono sotto il segno del risparmio, nella scoperta di molti prodotti ed oggetti che possono essere trovati ed acquistati a prezzi decisamente modesti. Da molti anni queste attività sono fiorenti in tutte le città italiane ed è divertente fare una passeggiata alla scoperta di oggetti, a volte anche importanti, che non pensereste mai di trovare. Dalla vecchia lampada anni ’50 alla chitarra, ai vecchi vinili, ai quadri, agli articoli da collezionismo, ai mobili, ecc. Pensate anche  a quanta scelta, vi viene proposta nel periodo natalizio che si sta avvicinando di gran carriera                                                                                                                          Ma se tutto ciò riguarda quello che potete acquistare attraverso la passeggiata ed il divertimento ben altro si può fare in questi luoghi di compra- vendita. Nelle vostre abitazioni e nei vostri solai o cantine, vi sono sicuramente tanti oggetti che a voi non servono più , o di cui ,a volte, ve ne siete  completamente dimenticati, e che possono essere oggetto di acquisto per potere sia soddisfare famiglie o cittadini che ne sono interessati e sia,  perchè no , per acquisire anche qualche soldino, che poi non fa male alla salute visto i tempi che corrono.                                                                                                             Tutti gli oggetti vanno bene per il riciclo, tuttavia noi non siamo perché l’abbigliamento sia fonte di guadagno , anzi è un bene che deve essere rivolto alle famiglie bisognose soprattutto ora che inizia l’inverno. Le varie parrocchie saranno felici di ricevere questi doni e lo stesso vale per i libri. Da ogni libro noi riceviamo più di quello che lo abbiamo pagato per la sua “maraviglia” o insegnamento. Quindi i libri vanno regalati. Tempo fa si utilizzavano le cabine telefoniche, ora che non ci sono più si possono poggiare sopra o a latere il cassonetto della cara.                                                                                                                        I Mercatini sono anche delle strutture commerciali dove vengono presi in conto vendita oggetti di tutti i tipi e che, a trattativa conclusa, permettono di incassare una percentuale precedentemente stabilita (di solito è una percentuale sul valore dell’oggetto).                                                                                                           Cioè si portano i propri oggetti nel mercatino (alcune volte, come ad esempio nel caso di mobili, è l’esercizio stesso che ritira la merce a domicilio), vengono poi visionati, selezionati a seconda della tipologia e si concorda un prezzo di vendita al pubblico e la commissione per il mercatino. Quindi il consiglio che vi diamo è quello di cominciare a guardarvi in giro, a partire dai vostri armadi dove sicuramente e molte ricerche in tal senso lo confermano, vi sono vestiti, giacche , cappotti inutilizzati proprio perché sono esuberanti rispetto alle vostre esigenze, e questi sono da regalare. Ma nei solai nelle cantine all’interno della stessa  vostra casa, vi meraviglierete di quanta oggettistica potreste trovare, e che non ci pensavate più di avere!                                                                                                                                             Ah! E per finire vogliamo ricordare se volete fare queste ricognizioni,  cosa fondamentale, è quello di organizzarvi per bene  con mascherina e disinfettante perché la pandemia non è certo terminata!!