Ricadute disastrose se scattano aumenti IVA

Il Centro Ricerche Indagini3 ha effettuato una elaborazione su dati ISTAT delle ricadute che vi sarebbero per le famiglie qualora scattassero le clausole di salvaguardie immesse nella legge di Bilancio.

I risultati sarebbero disastrosi sui consumi degli italiani in maniera dirompente influenzando tutte le filiere economiche produttive e finanziarie in maniera dirompente  –  afferma Rosario Trefiletti Presidente del Centro Ricerche.

Infatti già i consumi sono al palo, consumi che in valore non hanno ancora recuperato i dati relativi al periodo ante crisi 2007-2008 ed anzi segnano ancora un meno 1,8 % al netto di una inflazione del 14 % nel periodo 2007-2018 ( elaborazione già presente sul Sito indagini3.it ). Se a ciò aggiungessimo una perdita del potere di acquisto dovuto agli incrementi Iva che se applicati comporterebbero ricadute economiche pari a 1248 €  annui si comprendono i rischi per le famiglie e  l’intera nostra economia.

D’altra parte non è sufficiente affermare che tali clausole saranno disinnescate poiché tale eventuale ed auspicata eliminazione costerebbe al Paese un carico di oltre 20 MLD a partire dalla legge di Stabilità 2019 con tutte le ricadute e le conseguenze del caso.

Ancora una volta dobbiamo sostenere che dalla crisi e dalla stagnazione l’unica strada da percorrere seriamente è quella degli investimenti produttivi e del lavoro, soprattutto per una disoccupazione tendenzialmente e pericolosamente in aumento.

RICADUTE ECONOMICHE SULLE FAMIGLIE QUALORA SCATTASSERO GLI AUMENTI IVA DEFINITI NELLA LEGGE DI BILANCIO  DALLE CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA

L’ELABORAZIONE E’ SU DATI ISTAT  DELLA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE ITALIANE. LA SPESA ANNUALE E’ CALCOLATA DALLA SPESA MENSILE ISTAT PER DODICI MENSILITA’. TALE SPESA E’ SOMMA DELLE SPESE DEI NUCLEI FAMILIARI PIU’QUELLA  DELLE ISTITUZIONI SOCIALI PRIVATE (ISP). PER IL 2018 ED E’ PARI A 968 MLD TOTALI.

MAGGIORI COSTI SU CONSUMI FAMIGLIE  E  ISP  (ISTITUZIONI SOCIALI  PRIVATE). COSTI DIRETTI.

Spese per consumi complessivi annuali         
In Euro 968 MLD
Assoggettati ad   IVA  pari al 84 % 813 MLD

Di quel 84 % le percentuali applicate sono:

Al 4 % pari a circa il 10% 81 MLD
Al  10 % pari a circa il 37 % 293 MLD             
Con incremento 3,0 %  la ricaduta è la ricaduta è  8,4  MLD
Al  22 % pari a circa il 53 % 439 MLD           
Con incremento  3,2 %   la ricaduta è di   14,0  MLD
Totale maggiori spese per aumento IVA TOTALE   MLD   22,4  

Ricadute economiche su 25 MLN famiglie pari a     896 €   per il 2020

Qualora scattasse la clausola che porterebbe l’IVA dal 25,2% al 26,5% vi sarebbe una ulteriore ricaduta di  5,7 MLD  nel 2021 con un incremento costo consumi totali famiglie di  + 228 € in aggiunta a  896 € già  acquisiti. Il totale delle maggiori spese per i consumi totali arriverebbe a 896 + 2281124 €  annui

COSTI INDIRETTI

INOLTRE COSTI AGGIUNTIVI INDIRETTI PER AUMENTO IVA SU CARBURANTI- ELETTRICITA’-GAS  CHE INCIDONO SU COSTI INDUSTRIALI E COSTI TRASPORTO ( + 0,4 SU TASSO INFLAZIONE ) PARI A 124 € ANNUI

TOTALE RICADUTE SU 25 MLN  FAMIGLIE PER COSTI DIRETTI E COSTI INDIRETTI AL 2021 PARI A  1.248 € ANNUI    

Lascia un commento