Spreco Alimentare Pubblicato su l’Eco di San Gabriele

Oggi parleremo di una questione che non solo pone seri problemi di ordine economico, ma anche quello di grande impatto etico. Una questione grande come una casa in un mondo ancora caratterizzato da tante, troppe persone che soffrono la fame. Certo, non affronteremo la fame nel mondo, tematica planetaria e rilevantissima ma che attiene alle grandi questioni delle politiche generali dello Sviluppo Globale, ma in  piccolo nel nostro Paese, cosa possiamo fare per contribuire affinchè  questa cosa sia contrastata e debellata. Ed ancora, non parleremo degli scarti alimentari sia della Grande Distribuzione che della Ristorazione dove già operano benemerite associazioni per il riutilizzo degli eventuali prodotti destinati ad una inevitabile scadenza, ma parleremo di quelli che vengono scartati in ambito strettamente familiare. Si pensi che in questo ambito, pur essendo  diventati più accorti negli ultimi anni, ancora il 25- 30% dei nostri acquisti alimentari va a scarto incrementando l’accumulo di rifiuti, che determinano anche per questa  via, ovviamente, maggiori costi di smaltimento per la collettività in generale. Secondi i dati pubblicati dalla FAO, finisce nell’immondizia, circa un terzo della produzione totale di cibo destinato al consumo umano. E noi italiani non siamo certamente senza colpe: lo spreco tricolore annuale ammonta a 6,5 milioni di tonnellate, pari a 108 chilogrammi pro-capite. Certo, meno della media europea, che si attesta a 180 chilogrammi, ma questo non può esimerci dal prendere provvedimenti. Ed allora ecco alcuni pratici accorgimenti che servono alla bisogna e che faranno risparmiare le famiglie anche sulla spesa di casa. Cosa che poi non fa sicuramente male.

Innanzitutto iniziamo su  come effettuare la spesa per i nostri fabbisogni, avendo consapevolezza che dovremmo acquistare ciò di cui abbiamo veramente bisogno nell’immediato e non indotto da promozioni varie e soprattutto  non facendo acquisti come se ci dovessimo preoccupare di riempire un bunker nucleare con scorte incredibili, ponendo  inoltre molta attenzione alle date di scadenza. Assicuratevi, perciò di aver portato a termine un’accurata ricognizioni di ciò che è già custodito nel vostro frigorifero e segnate per bene che cosa manca all’appello su un foglietto di appunti. E a proposito di date di scadenza controllate sempre l’etichetta distinguendo tra “da consumarsi entro” e “da consumarsi preferibilmente entro il…”. Nel primo caso il prodotto va consumato obbligatoriamente entro la data indicata, mentre il secondo riguarda il termine entro cui il prodotto mantiene le proprietà organolettiche e gustative, o nutrizionali specifiche in adeguate condizioni di conservazione.

Utilizzate, sempre il vostro frigorifero proprio come fanno nei supermercati, cercate di disporre gli alimenti sui ripiani secondo la propria data di scadenza, lasciando davanti quelli che devono essere consumati prima. Questo piccolo stratagemma vi aiuterà a non ritrovare sul fondo del frigorifero un formaggio francese acquistato magari un anno prima.

Iniziate poi, prima di portare a  rifiuto ad imparare  le vecchie strategie nonché le tradizioni dei nostri nonni ( soprattutto nonne )  che hanno inventato ricette incredibili al fine di riutilizzare gli avanzi alimentari al meglio

Sulle nostre tavole devono tornare i piatti del giorno dopo come polpette, frittate, pizze farcite, macedonie. Ricette che non sono solo una ottima soluzione per non gettare nella spazzatura gli avanzi, ma  anche per non far sparire tradizioni culinarie del passato che ha dato origine a piatti diventati simbolo della cultura enogastronomica dei nostri territori come la ribollita toscana, o al sud la frittata di pasta, per esemplificare. I piatti antispreco sono tanti basta solo un po’ di creatività e fantasia preparando delle ottime polpette recuperando della carne macinata avanzata aggiungendo uova, pane  e formaggio o anche  pizze rustiche per consumare le verdure avanzate avvolgendole in una sfoglia e infornando il tutto. Se avanza del pane, ( guai buttarlo! ),  vi è la classica panzanella aggiungendo semplici ingredienti, sempre presenti in ogni casa, come pomodoro  e olio per arrivare poi alla più tradizionale ribollita che utilizza ortaggi come fagioli, cavoli, carote, zucchine, pomodori e bietole già cotte da unire al pane raffermo. Ed anche la frutta  può essere facilmente recuperata se, cotta per diventare marmellata o più semplicemente utilizzata come macedonia.

Infine d’ora in avanti non vergognatevi più se vi capita di andare al ristorante, di asportare ciò che avete eventualmente avanzato. Perché lo ribadiamo questa azione di contrasto allo spreco non è solo di valenza economica per voi e per la collettività ma è una seria e concreta risposta a una etica che deve sempre di più informare e condizionare i nostri comportamenti, a volte e spesso affrontati in maniera un pò troppo disinvolta.

Lascia un commento